Mox Nox

15.00 

di Joan Cornellà

Le storie senza dialoghi disegnate da Joan Cornellà, tinte dal cinismo e dalla sua personale ricerca estetica, cercano di scioccare attraverso l’assurdo. Dietro il loro aspetto quasi infantile, i disegni nascondono un’autentica violenza, a volte gratuita e surrealista, che non sarebbe probabilmente dispiaciuta a due precursori del genere come Bunuel e Dalì. Il suo gusto per l’improbabile, sfonda le barriere del politically correct e del tabù senza però cadere in moralismi o in una deliberata critica, ma sempre e solo mettendo il lettore di fronte a un umorismo dell’assurdo.
Il linguaggio di sole immagini adottato da Cornellà genera un perfetto meccanismo di lettura, universale, veloce, quasi istantaneo, e ipnotico. Questo è senz’altro uno dei motivi che spiega la sua popolarità sul web, anche se non è per la rete che nascono i suoi comics ma per un utilizzo prima di tutto editoriale (libri e riviste). E pur appartenendo di diritto al mondo del fumetto, per l’impostazione a vignette e per il taglio delle storie, le tavole di Joan Cornellà possono anche essere osservate e considerate come delle opere di arte pittorica dei giorni nostri.

 

COD: 9788898644049 Categorie: ,

Informazioni aggiuntive

Pagine

52 a colori

Tipo

Cartonato

Formato

17×24 cm

Data di uscita

Ottobre 2014, seconda ristampa Giugno 2016

ISBN

9788898644049

Prezzo

15,00 €

Anteprima

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Rassegna stampa

“Che si tratti di una risata, di un brivido di disgusto o ancora di un amaro sorriso, le pagine di questo volume suscitano prepotentemente una reazione, una riflessione. Esse chiamano il lettore a una risposta immediata e a prescindere da quale sia, la ottengono puntualmente.”
C4 Comic


“[…] nella scala di valori del mondo di Cornellà è proprio l’esteriore ad occupare la posizione più alta e, molto machiavellicamente, il fine giustifica sempre i mezzi, anche se resta oscuro o futile. L’essenziale è che le situazioni siano risolte in modo da “salvare” le apparenze, da adeguare la superficie delle cose e delle circostanze: non importa se la soluzione è dal nostro punto di vista completamente irrazionale, o se ciò che appare sia assurdamente (fra)inteso dai personaggi: una soluzione vale l’altra, anzi vale di più quella più assurda.”
Barricate di Carta


Joan Cornellà e il suo allegro ribaltamento del reale [Intervista]

Fumettologica


“[…] i fumetti di Joan Cornellà divertono, sorprendono, invitano alla discussione ed alla riflessione e, semplicemente, lasciano interdetti, a tratti quasi infastiditi da immagini così dirette. Spesso ci si trova di fronte a personaggi impossibili, mashup di esseri umani, animali e oggetti, azioni improbabili che si svolgono in una quotidianità ancora meno probabile […] l’uso dell’assurdo rende questi fumetti così interessanti, sottolineando come, in fondo, il gusto dell’orrido risieda un po’ in tutti.”
Voglia di Scrivere


“Joan Cornellà è un virus incontrollabile che interrompe per un breve istante il flusso stupido e borbottante delle nostre vite social e ci obbliga con cattiveria e ironia a rivolgere uno sguardo fugace alla vita reale, rivelandoci i mostri in cui ci siamo trasformati. Il simbolo di questa umanità mostruosa è il sorriso scemo stampato sui volti dei protagonisti di ogni lavoro di Cornellà.”
Duluth


“Cornellà non pretende di essere capito e interpretato […] Tutte le vignette sembrano voler spingere lo spettatore a non pensare in modo convenzionale, a non aver paura di usare il pensiero laterale, anche se ci porta a risultati irrazionali, e magari ci fa ridere di cose malsane.”
Cose che Scrivo


Joan Cornellà: “Non mi interessa criticare la realtà, voglio solo farvi ridere” [Intervista]
Fanpage.it

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi