Il muretto

17.00 

Non disponibile

di Céline Fraipont e Pierre Bailly

Rosie si trascina ogni mattina sino a scuola e sempre più spesso non entra. Se ne torna a casa ad annoiarsi nel tentativo che il tempo passi. Il tempo a tredici anni è un concetto strano. Soprattutto dopo che i suoi genitori l’hanno lasciata sola a doverlo gestire. La madre ha seguito all’estero un altro uomo e il padre lavora fuori città per lunghi periodi. I giorni passano tutti uguali e Rosie calcola la distanza tra le proprie esigenze e il mondo che c’è fuori. Poi incontra qualcuno che la capisce, con le sue ansie e le sue incertezze. Stare in silenzio ore ad ascoltare la Mano Negra e i Bauhaus tra i poster dei Crass e di Robert Smith e percepire l’inquietudine che accompagna la trasformazione della propria identità. Rosie non sa come si fa a non sentirsi estranea e inadatta. Ma oltre la musica, oltre i dischi, c’è un modo diverso di vivere, stando ai bordi del mondo. Guardando dritto davanti a sé.

 

Non disponibile

COD: 9788898644056 Categorie: , ,

Informazioni aggiuntive

Pagine

192 in bianco e nero

Tipo

Brossurato

Formato

17×24 cm

Data di uscita

Settembre 2014

ISBN

9788898644056

Prezzo

17,00 €

Anteprima

Rassegna stampa

[…] uno sguardo femminile delicato che per anni ha fatto fatica a trovare spazio nel fumetto introspettivo di ispirazione indie.”
Fumettologica


A colpi di musica e di forbici, Il muretto racconta in modo poetico il modo in cui una ragazza prova ad affrontare la propria solitudine e le proprie incertezze, e in ultima battuta le perdite cui la vita la condanna.”
Soft Revolution


Il disegno è minimale, i vuoti e i pieni, il bianco e il nero si alternano in modo essenziale e significativo: pagine totalmente nere inframezzano la lettura, proprio nei momenti in cui Rosie sembra non riuscire ad uscire dal baratro in cui si trova.”
Finzioni


“[…] tra le pagine di questo fumetto la bellezza arriva improvvisa a portare scompiglio.”
Una Banda di Cefali


Il muretto di Céline Fraipont e Pierre Bailly, è la difficile storia di un percorso di crescita e autoconsapevolezza fra infanzia ed età adulta, vissuto in una cittadina belga nella seconda metà degli anni Ottanta […] un fumetto incisivo, diretto.”
Lo Spazio Bianco


Quando chiudiamo il volume è l’immagine di una donna-bambina a imprimersi in noi. Non sorride, ma attende. E nell’attesa il tempo si fa umano, smette di respingerci […]”
Nazione Indiana

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi