Costellazioni familiari

15.00 

Esaurito

Costellazioni familiari di Ana Llurba traduzione a cura di Francesca Bianchi.

Ana Llurba rappresenta situazioni comuni e quotidiane: l’amicizia, l’esplorazione della sessualità, l’adolescenza e la vita adulta, la maternità e le crisi matrimoniali, i legami affettivi e i contesti lavorativi. Allo stesso tempo ogni narrazione esce dall’ordinario per immergersi in dimensioni altre. I suoi personaggi si confrontano con l’ancestrale e il simbolico, tra riti individuali e collettivi, in una molteplicità di immaginari in cui esseri mitologici e non umani si mischiano a noi in realtà sfumate, insondabili. Il motore di queste storie è sempre il desiderio, il fallimento e la necessità di una qualche forma di redenzione.
Nel lavoro di Ana Llurba weird e femminismo speculativo si fondono in sfaccettate e conturbanti istantanee di una quotidianità distorta, per sondare le possibilità della paura e dell’ignoto, verso i territori più instabili della nostra mente, ma con la giusta dose di ironia e humor nero, in una coralità di voci che suonano al contempo sconosciute e familiari.

Esaurito

COD: 9791280495129 Categorie: , Tag: , ,

Descrizione

Costellazioni familiari di Ana Llurba

Ana Llurba rappresenta situazioni comuni e quotidiane: l’amicizia, l’esplorazione della sessualità, l’adolescenza e la vita adulta, la maternità e le crisi matrimoniali, i legami affettivi e i contesti lavorativi. Allo stesso tempo ogni narrazione esce dall’ordinario per immergersi in dimensioni altre. I suoi personaggi si confrontano con l’ancestrale e il simbolico, tra riti individuali e collettivi, in una molteplicità di immaginari in cui esseri mitologici e non umani si mischiano a noi in realtà sfumate, insondabili. Il motore di queste storie è sempre il desiderio, il fallimento e la necessità di una qualche forma di redenzione.

Nel lavoro di Ana Llurba weird e femminismo speculativo si fondono in sfaccettate e conturbanti istantanee  di una quotidianità distorta, per sondare le possibilità della paura e dell’ignoto, verso i territori più instabili della nostra mente, ma con la giusta dose di ironia e humor nero, in una coralità di voci che suonano al contempo sconosciute e familiari.

Ana Llurba (Córdoba, Argentina, 1980) lavora nel mondo editoriale, collabora con diverse testate culturali, coordina workshop di lettura e scrittura. Si muove tra Stati Uniti e Berlino, dove vive di fronte a una stazione di servizio in un quartiere impersonale.
Il suo primo romanzo, La porta del cielo (Eris edizioni, 2021), è stato pubblicato in Spagna, Argentina e Cile. Nel 2021 con Costellazioni familiari, ha vinto il prestigioso Premio Celsius, indetto dalla Semana Negra de Gijón ed è stata finalista del Premio Finestres di Narrativa.

Darkam (Eugenia Monti) nasce a San Marino nel 1985. Da più di dieci anni vive a Berlino dove lavora come artista freelance, tatuatrice, fumettista e illustratrice. Tra i suoi lavori pubblicati, I Sarti del Sonno (2015, Galleria Blu), Piena di Niente (con Alessia De Giovanni, 2015, Becco Giallo). Collabora con la Galleria Italiana Blu e a Berlino con Cell63/ Galleria Luisa Catucci. Dietro agli occhi è il suo ultimo graphic novel, il primo come autrice unica, uscito per Eris edizioni / Progetto Stigma nel 2022.

Informazioni aggiuntive

Pagine

240 in bianco e nero

Tipo

Brossurato

Formato

12×17 cm

Data di uscita

Maggio 2022

ISBN

9791280495129

Prezzo

15,00 €

Anteprima

Rassegna stampa

“Adesso che siamo arrivati al terzo romanzo (tre su tre flash pazzeschi) posso dire con certezza che lópez è uno di quegli autori di cui si può acquistare a scatola chiusa qualsiasi cosa, probabilmente anche la lista della spesa, aspettandosi grandi sorprese.”
A Clacca Piace Leggere


“Un romanzo brillante che mette a dura prova le sinapsi del lettore”
Leggere Distopico


 

Ti potrebbe interessare…