Comincia adesso. Fughe ed evasioni quotidiane

13.00 

a cura di Simone Scaffidi

Perdere la libertà, perdere la propria voce, la possibilità di essere se stessi, di scegliere, di respirare a pieni polmoni. Compressione. Sentire che ogni respiro cerca più aria e che nulla potrà impedire ai polmoni di volerne sempre di più. E poi i polmoni che prendono così tanta aria da buttare giù qualsiasi prigione li circondi. Partono da questa base tutti e 16 i racconti di Comincia adesso. La fuga da una situazione di costrizione. L’apnea che porta alla riemersione.
Gli autori selezionati da Simone Scaffidi ci raccontano di questo momento, il momento della fuga, l’incontenibilità umana, che non si fa fermare da sbarre, mura, leggi, regole, imposizioni, forme mentali. Personaggi e situazioni che ci raccontano con voci diverse, ironiche, tragiche, epiche, magiche, poetiche, lievi, consapevoli, la voglia di vita di chi non si arrende alla situazione che sta vivendo, l’amore per la libertà. E dove le parole non arrivano, arrivano invece le 16 illustrazioni. 16 mani per raccontare la stessa storia solo con un linguaggio diverso.

con i racconti di: Veronica Pacini, Lorenzo Iervolino, Marilù Oliva, Filippo Sottile, Clelia Bettini, Andrea Staid, Deborah Sannia, Claudio Morandini, Luca Gallo, Alberto Prunetti, Slavina, Marco Capocetti Boccia, Filippo Casaccia, Paolo Pasi, Fabrizio Lorusso, Simone Torino.
e le illustrazioni di: Alice Socal, Marco Martz, Luigi Filippelli, Daniele La Placa, Rocco Lombardi, Gianluca Costantini, La Tram, Hurricane Ivan, Valentina Addabbo, Nicola Gobbi, Lucia Biagi, Silvicius, Claudio Calia, Francesco Frongia, Cristina Portolano, Armin Barducci.

 

Informazioni aggiuntive

Pagine

232 in bianco e nero

Tipo

Brossurato

Formato

12×17 cm

Data di uscita

Maggio 2016

ISBN

9788898644247

Prezzo

13,00 €

Anteprima

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Rassegna stampa

Questo libro è una guida esaustiva all’arte della fuga. Ma attenzione: così come il prigioniero ha diritto a evadere, allo stesso modo il carceriere ha liceità morale di ricatturarlo e tenerlo rinchiuso. L’ideale è evidenziare un capovolgimento di situazione, verificabile nei fatti. Il secondino è il vero recluso; il detenuto è un uomo libero. Il primo non può vagabondare tra le stelle, non riesce nemmeno a concepirle. Il carcerato sì.”
Carmilla


“Raramente capita di imbattersi in un’antologia a tema i cui scrittori siano tutti caratterizzati da una potente voce autoriale e abbiano una prosa altamente professionale, incisiva, conturbante. Che siano, in altre parole, tutti così bravi, anche nel rendere una tematica tanto scabrosa e dolente, quella delle prigionie e dei tentativi di ammutinamento, fuga e liberazione, senza mai scivolare nella retorica […]
Libroguerriero


“Nella lettura di questo volume si dipanano 16 prese di posizione con la realtà e il dramma dicotomico libertà/prigionia, 16 pennellate per 16 diverse interpretazioni di fuga, ogni racconto una sua diversa e godibilissima rappresentazione: la coercizione comportamentale dell’educazione accademica che assume connotati distopici; la galera e la libertà costretta […]”
Iyezine

 

Accettando consenti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi